mercoledì 26 settembre 2012

Ribollita ai lamponi.

P9233407

Affondate il cucchiaino in questo dessert delizioso e particolare: dopo il crac della crosticina caramellata, il cucchiaino arriva al delicato zabaione al pistacchio, la cui dolcezza si contrasta con l’acidulo dei lamponi….

Una ricetta che  Paolo Sacchetti di Prato, vice presidente dell’Accademia Nazionale Maestri Pasticcieri Italiani,  ci ha preparato ad uno dei suoi corsi e che è rimasta nel cassetto oltre un anno, finché non ho avuto a disposizione la pasta di pistacchio, ma che ho rifatto per 3 volte prima di avere la giusta riuscita… Poi  vi dico.

La ricetta originale è per 8 persone, io  ho dimezzate le dosi.

per 4 persone:

4 tuorli

40 g di zucchero Zefiro extrafine eridania

10 g di pasta di pistacchio di Bronte  Dry fruit

150 ml di panna liquida

200 g di lamponi

zucchero a velo eridania

Montare i tuorli con lo zucchero  (la ricetta originale prevedeva zucchero semolato) a bagnomaria, portandoli a circa 60°( l’acqua nella pentola su cui poggia la ciotola con le uova deve sfiorare l’ebollizione, senza però arrivarci).

20120923_143713

Quando sarà a temperatura, crema si presenterà gonfia e spumosa.

20120923_150111

Fuori dal fuoco, unire la pasta di pistacchi e montare un paio minuti  con le fruste finché lo zabaione sia raffreddato, quindi unire la panna liquida, amalgamando senza montare.

20120923_151023   20120923_151150

Nelle ciotoline o pirofiline individuali, sistemare parte dei lamponi spezzettati quindi suddividere lo zabaione, mettere i lamponi interi e spolverare abbondantemente di zucchero al velo.

Passare al grill per circa 5 minuti o poco più, fino a formare la crosticina gratinata, lasciar appena intiepidire e servire.

P9233410  OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

e fin qui, ci siamo…

Ma con questa ricetta, partecipo al contest La ricetta nel cassetto, quindi mi tocca anche spiegare il perché ‘ stata fatta 3 volte…

image.axd

la prima volta, ho finalmente tutti gli ingredienti a disposizione e mi cimento, ma qualcosa non è andato per il verso giusto: non chiedetemi cosa, non l’ho capito, fatto sta che all’assaggio il gusto, ma la consistenza no… la crema finale era impazzita…

P8312606  P8312604

Ci riprovo, ma una distrazione nel pesare la quantità della pasta di pistacchio, mi dà questo risultato… ecccheèstacosa????

20120923_144656

Alla fine, al terzo tentativo, chi la dura la vince, riprovo con dose per single, con un tuorlo solo…

Il risultato è ottimale, quello che vedete nelle foto precedenti… e l’assaggio?

Ho fatto giusto in tempo ad assaggiarne un cucchiaino: Maman, le avevo chiesto di assaggiare per avere un parere, aveva detto di metterla in frigo che l’avrebbe assaggiata poi…

Ma ci ha ripensato, e  dopo aver preteso di conoscerne la composizione, con un interrogatorio da terzo grado, dopo pochi secondi mi ha consegnato la ciotolina:  VUOTA…  Sorpresa

con questa ricetta partecipo altresì al contest di il pistacchio di Bronte di “le torte di Gessica”

Secondo

13 commenti:

  1. caspita Milady, mi hai fattovenire un'acquolina... ma preferirei assaggiarla fatta da te, perchè così come si presenta è meravigliosa.
    Ciao cara e beata te che stai seguendo questi corsi.
    Un abbraccio
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per i complimenti e per la visita, Anna!

      Elimina
  2. Wow! I pistacchi e frutti di bosco sono la coppia più bella del mondo!
    Sono felice che hai insistito nonostante le avversità ;-)
    Grazie per aver partecipato al mio contest, ti inserisco subito.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per la sfida del contest!

      Elimina
  3. Aaapperò, è golosa la signora maman ... Ma con un dolcetto così, come la capisco! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio Grazia, a breve anche la ricetta per il tuo contest!

      Elimina
  4. Bravissima che non hai rinunciato ma anzi continuato ed alla fine la meritata vittoria!

    RispondiElimina
  5. bella ricetta, la farò, amo la crema inglese... un consiglio, l'acqua della pentola che sta sotto alla bastardella non deve neppure sfiorarla, i tuorli si devono addensare praticamente con il calore, vedrai che non ti impazzisce...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Tam tam, non ho specificato con chiarezza,rettificherò!|

      Elimina
  6. Comment résister à une douceur pareille;) Bon samedi!!xxx

    RispondiElimina
  7. Grazie per aver partecipato al mio blog!
    Saluti

    RispondiElimina